SORRISO, SPONTANEITA’

 Tutti gli ostacoli che ci impediscono di raggiungere la felicità li abbiamo creati noi! La nostra felicità o infelicità dipende dal modo in cui percepiamo e affrontiamo gli avvenimenti più che dagli avvenimenti in quanto tali!(ANTHONY DE MELLO)Riscrivendole, queste parole mi fanno riflettere.

Il mio essere felice. Parola grossa .La mattina quando apro gli occhi sono felice di essere ancora parte del mondo ma appena mi muovo nella realtà del quotidiano trovo situazioni che mi fanno subito riflettere , situazioni di disagio forte e, alla mia mente fa eco la domanda perché? Non vorrei vedere ma mi è vicina di casa,una piccola bimba di cinque anni operata di un tumore,ha subito l’ asportazione di un rene;ho due suoi disegni incorniciati in uno ritraeva me con il coniglietto, e nell’altro ci siamo noi due sorridenti.

Il sorriso di questa bimba mi porta il pensiero alla sua accettazione della malattia, cosa che noi adulti perdiamo.

Il sorriso,la spontaneità nel bambino che non pensa al male che può sopravvenire ma vive la felicità del momento. Il poterlo vedere è troppo bello.

Felicità. Per felicità noi adulti aspettiamo una cosa grande. Non sappiamo più apprezzare le piccole cose e questo ci porta ad una costante infelicità.

 Lasciata la bambina continuo il mio cammino verso il luogo di lavoro e incontro spesso una donna che mi racconta di essere venuta via dal suo paese e dormendo con il sacco a pelo dove capita ha perso alcune cose e altre le ha vendute in cambio di… Tenerezza e rabbia alla sua vista sono le sensazioni che albergano in me. E’ seduta sul marciapiede,vende delle cose. Vive di questo e della bontà dei negozianti dai quali ormai è conosciuta . Le offrono sempre un piatto caldo; mi racconta che non aspettano che sia lei ad andare a chiederlo ma loro stessi come una consuetudine all’ora di pasto arrivano con il piatto. Nonostante più volte le sia stato suggerito di usufruire dell’ospitalità del dormitorio ogni volta rifiuta.

In ognuna di queste cose c’è un pezzo di lei , quel qualcosa che le ha fatto prendere quella collana anziché l’ altra , quelle cartoline scritte a chissà chi e mai spedite che vende al prezzo di un caffè. Vorrei dirle tienile te le pago io ma tienile per te;so’ però che prenderebbe i miei soldi ma che al prossimo passante riproporrebbe la stessa situazione.

Continuo il mio cammino e ad ogni angolo della strada vedo i visi che ormai conosco…Il signore che chiede l’ elemosina e al suo fianco ha un piccolo cane che d’ inverno ha un cappottino ed è sempre pulito!!Non è invadente non ti obbliga gli basta il tuo sorriso e la carezza al suo cane.

La zingara con un bimbo in braccio e uno vicino che con il piatto davanti chiede aiuto.

Quante richieste d’ aiuto Quante persone ai margini della società e per i quali sai di poter fare poco.

I bambini, i cani mi fa rabbia vederli strumentalizzati dalla finalità di avere soldi …Questi maledetti soldi, fortunatamente però sono trattati bene e puliti.

La strada un piccolo mondo che può insegnare tanto , quel mondo che io attraverso di corsa soffermando il mio sguardo su tutto ma non riuscendo forse a cogliere tutto quello che può essere il loro dono per migliorare il mio cammino.

 

Tutti abbiamo bisogno di amore!

Di riceverlo e darlo.

Sono le piccole cose fatte con vicinanza,

il rispondere a una richiesta nascosta nel silenzio,

il dire a una persona: ” non sei sola! “

E se il mondo con la sua forza ci trascina nella sua frenesia ,  se nel cammino

incontriamo gente che tradisce la nostra fiducia,

 troviamo un minuto per guardarci attorno e dentro !

 

SORRISO, SPONTANEITA’ultima modifica: 2013-03-10T12:45:08+01:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento